Blog

Un deterrente contro i suicidi giovanili

 Una rivoluzionaria app permetterà a tutti i giovani che soffrono di depressione di avere un aiuto a portata di smartphone. 

Si chiama SafeUT (dalle iniziali di Utah, lo stato americano nel quale è stata concepita), e consente ai ragazzi in difficoltà di mettersi in contatto tempestivamente con un centro di ascolto. Il problema della vergogna può essere superato, visto che è stato concepito come metodo di comunicazione anche la semplice chat, che butta giù le barriere. L’idea alla base della app è di Jim e Robyn Burningham, due genitori statunitensi, che l’hanno concepita per evitare che altri ragazzi pensassero di non avere alternativa, come è successo ai loro due figli. Taylor e Bradley – questi i loro nomi – sono morti, infatti, uno nel 2013 e uno nel 2015, entrambi per colpa della depressione che li ha portati al suicidio a soli 15 anni.

 

Close