Blog

Con la nuova idea dei pediatri mangiano le verdure

Dare ai piatti di frutta e verdura nomi accattivanti per invogliare grandi e piccoli a mangiarne ed evitare il junk food.

È questo che suggerisce un recente studio dell’Università di Stanford, dopo aver condotto, per sei mesi, un esperimento in alcune mense universitarie. All’interno delle quali, ogni giorno lo stesso piatto di carote, fagioli o bieta, ad esempio, veniva riproposto con nomi diversi. Dai più classici e semplici, come “carote al limone” ai più invitanti, come “spirale di carote con colata di glassa al limone”. Dai risultati, è emerso che nel periodo in cui è stato introdotto l’escamotage, la scelta dei menù più salutari è aumentata del 25%. È una questione psicologica – sottolineano i ricercatori. Le persone tendono ad associare i cibi sani a un gusto povero e insipido. Evocarne, invece, il sapore, il colore, attraverso una descrizione che stimola l’esperienza sensoriale, le spinge ad assaggiarle.

Post a comment