Blog

Quello che i 19enni di oggi hanno in comune con gli anziani

Gli adolescenti di oggi fanno attività fisica quanto una persona anziana.

I ricercatori della Johns Hopkins School of Public Health di Bloomberg hanno, infatti, scoperto tassi di movimento “incredibilmente bassi” nei teenager e hanno dichiarato che erano di gran lunga inferiori rispetto al previsto. La scoperta più sorprendente è che i 19enni erano così lenti da poter essere confrontati con una persona di età superiore ai 60 anni. Più del 50-75% degli adolescenti non soddisfano quindi le linee guida proposte per i livelli giornalieri di attività, con un conseguente allarmante aumento dello stile di vita sedentario. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda almeno 60 minuti di attività fisica normale / alta quotidiana per i bambini e i ragazzi. Ma più si cresce e meno ci si muove, un fenomeno, inoltre, più accentuato tra il sesso femminile.

Read more

Se i genitori continuano a litigare i figli si ammalano.

I figli di coppie che si sono divise in malo modo si ammalano molto di più dei figli di mamme e papà divorziati ma in buoni rapporti.

A confermare ricerche precedenti sull’argomento, un vasto studio dell’Università di Pittsburgh. Che ha provato la sua tesi esponendo un gruppo di ragazzi e adulti tra i 18 e i 55 anni al virus di comuni infezioni respiratorie come il raffreddore. Dai risultati, è emerso che i figli di ex che continuano a litigare hanno un triplice rischio di sviluppare contagi e malattie croniche rispetto ai figli di coppie scoppiate ma in pace tra loro. Risultati che – dicono gli esperti – confermano come lo stress familiare vissuto durante l’infanzia compromette gravemente il sistema immunitario, incidendo sullo stato di salute psicofisica fino a 40 anni dopo.

Read more

A questi ragazzi i videogiochi hanno fatto bene non male.

I videogiochi strumento di integrazione dei minori rifugiati.

A dimostrarlo, un esperimento della New York University su un campione di bambini e adolescenti siriani accolti nei campi profughi turchi. Ne è emerso che  lasciarli giocare, un paio d’ore al giorno, con consolle e specifici game online d’avventura, strategia ed abecedari digitali per l’apprendimento della lingua turca, ha, su di loro, tre principali effetti benefici. Il primo: il miglioramento delle competenze grammaticali e lessicali dell’idioma del Paese ospitante. Il secondo: l’incremento delle abilità di organizzazione spazio-temporale delle attività quotidiane. Last but not least, la cura dello stato di salute psicofisico. Non poco per questi ragazzi che spesso, invece, proprio a causa delle barriere linguistiche, non frequentano la scuola.

Read more

Nasce la rivoluzionaria scuola senza materie.

In Finlandia nasce la scuola senza materie.

Niente ore di storia, geografia, letteratura. Ma lezioni multidisciplinari che, partendo da un argomento di interesse, toccano tutte le tematiche. È questo l’approccio educativo rivoluzionario portato avanti dalla scuola media di Hauho. Dove, ad esempio, è facile trovare un professore che spiega l’eruzione del Vesuvio e gli scavi di Pompei ed Ercolano per paragonare la Roma antica con la Finlandia di oggi: le terme romane con le moderne spa, ad esempio. Oppure, per confrontare il Colosseo con gli attuali impianti sportivi. Con tanto di stampe 3d dei monumenti per spiegarli in maniera tangibile, così gli allievi apprendono anche nozioni di tecnologia e tecniche di ricerca, comunicazione e scambio culturale.

Read more

Dalla Polizia arriva il tasto “Stop Blue Whale”.

Prosegue senza sosta la lotta della Polizia italiana contro il Blue Whale.

La pericolosa sfida che viene proposta in Rete a ragazzi giovanissimi con l’intento di manipolare la loro volontà e suggestionarli a tal punto da indurli a commettere atti di autolesionismo fino ad arrivare persino al suicidio. Dopo i consigli diffusi qualche giorno fa, adesso sulla homepage del sito www.commissariatodips.it è disponibile anche il pulsante “STOP BLUE WHALE”. Lo scopo è quello di facilitare le segnalazioni e di ribadire l’importanza di stare alla larga da questo fenomeno perverso, per bambini e adolescenti, ai quali un cosiddetto “curatore” anonimo e senza scrupoli raccomanda di mantenere il segreto sulla loro adesione. Ma soprattutto l’appello è rivolto ai genitori che vengono invitati a vigilare sui figli, a prestare la massima attenzione al loro comportamento e a parlare con loro di questa folle pratica.

#IMPORTANTE FATE GIRARESul nostro portale della Polizia Postale e delle Comunicazioni www.commissariatodips.it abbiamo…

Geplaatst door Commissariato di PS Online – Italia op donderdag 1 juni 2017

Read more

Oggi si scopre il lato oscuro dell’educazione sessuale a scuola.

L’educazione sessuale a scuola anziché diminuire aumenta il rischio gravidanze indesiderate tra le teenager.

Almeno così è andata in Inghilterra. Dove dal 2010 con la riduzione, per mancanza di fondi, delle ore dedicate a questa materia, è calato drasticamente il numero delle under-18 rimaste incinte. Tant’è che nel 2015 si sono registrati solo 20 mila casi contro gli oltre 42 mila del 1999 quando il progetto di sensibilizzazione sulle pratiche sessuali era al suo culmine. A rilevare e spiegare il perché di questa vera e propria eterogenesi dei fini è uno studio appena pubblicato sul Journal of Health Economics. Secondo il quale, in estrema sintesi, i ragazzi che seguono da giovanissimi corsi di educazione sessuale tendono, rispetto alla media, ad anticipare l’età del primo rapporto, ad averne con maggiore frequenza e a sentirsi fin troppi sicuri sotto le coperte rischiando l’irreparabile.

Read more

La super star della consolle consiglia meno decibel.

In Francia, Bob Sinclar, uno dei DJ più conosciuti al mondo, sarà il protagonista di un mini fumetto sulla salute uditiva.

Troppi giovani dopo un concerto o una serata in discoteca vanno a letto con terribili acufeni. Cioè ronzii, fischi, fruscii o sibili alle orecchie che se sottovalutati possono causare la perdita dell’udito. Ecco perché l’associazione francese JNA ha messo in campo un’iniziativa senza precedenti. Per sensibilizzare i ragazzi a usare i tappi che filtrano i decibel, durante la Festa della Musica che inizierà in tutto il Paese il 21 giugno, saranno distribuiti 200mila libricini gratuiti dalle cui pagine l’idolo della dance music, dopo essere passato dall’otorino per una visita, inizia un concerto nientemeno che sotto la Tour Eiffel chiedendo al pubblico in delirio di non dimenticare di proteggere le proprie orecchie. Solo così, continua il DJ pronto dietro alla consolle, sarà possibile godere del piacere delle note il più a lungo possibile.

Read more

A scuola l’iperattività si placa disegnando fumetti

Disegnare fumetti in classe per calmare ansia, aggressività, rabbia, scatti d’ira.

È l’approccio sperimentato con successo nella scuola superiore Urban Assembly Bronx Academy of Letters, situata nelle difficili periferie di New York, con gli studenti con bisogni educativi speciali – autismo, problemi di salute e di famiglia, iperattività – per ridurre i problemi comportamentali derivanti dalle loro condizioni di vita disagevoli. Per qualche ora al giorno, i ragazzi si mettono al PC e tramite un generatore online di immagini, il Make Beliefs Comix, disegnano virtualmente personaggi, creano storie, inventando strisce nelle quali convergono la loro emotività, i loro problemi, le loro difficoltà. Un metodo che non solo ha ridotto il numero di sospensioni e note per atti violenti, liti, aggressioni ai prof e ai compagni all’interno delle aule, ma ha anche migliorato le performance scolastiche degli studenti coinvolti nel progetto.

Read more

Sei indicazioni utili per i maturandi dislessici

Ecco le istruzioni e le modalità di svolgimento degli Esami di Stato per gli studenti dislessici illustrate dall’Associazione Italiana Dislessia e dal MIUR:

1) È possibile utilizzare tutti gli strumenti compensativi.

2) Si può usare il proprio PC con i software specifici installati per l’apprendimento, previo controllo fatto dalla Commissione per impedire di accedere a materiali di consultazione non ammessi durante l’esame.

3) Per la piena comprensione dei testi delle prove scritte,si può usufruire di dispositivi per ascoltarli in formato mp3. Oppure, la Commissione può prevedere di individuare un proprio componente che possa leggerli.

4) Per i candidati che utilizzano la sintesi vocale, la Commissione può provvedere alla trascrizione del testo su supporto informatico.

5) È possibile prevedere tempi più lunghi per lo svolgimento delle prove scritte e adottare criteri valutativi attenti al contenuto piuttosto che alla forma.

6) Per quanto riguarda la lingua straniera, gli studenti con DSA che hanno scelto di essere esonerati dal corso durante l’anno possono sostenere prove differenziate finalizzate solo al rilascio di un’attestazione.

Inoltre, fanno sapere AID e MIUR, che è preferibile consegnare i materiali (mappe/tabelle/formulari) prodotti dai ragazzi durante l’anno anticipatamente alla segreteria della scuola, affinché vengano timbrati, firmati e messi nella cartelletta personale del ragazzo, che sarà poi a sua disposizione durante le prove d’esame.

MIUR – Ordinanza 257/2017

Read more

I consigli della Polizia per difendere i vostri figli dal Blue Whale

Parlate con i vostri figli del Blue Whale e cercate di far loro esprimere un’opinione in merito.

È questo uno dei consigli della Polizia di Stato italiana alle mamme e ai papà del Bel Paese, per aiutarli a comprendere e contrastare questa orrenda pratica, nata in Russia e creata apposta per suggestionare i ragazzi ed indurli progressivamente a compiere atti di autolesionismo e azioni molto pericolose, fino a portarli al suicidio. Non mancano, inoltre, avvertimenti rivolti ai più giovani per far loro capire che “nessuna sfida con uno sconosciuto può mettere in discussione il valore della tua vita”. E soprattutto che qualora dovessero trovarsi ad aver a che fare, direttamente o indirettamente, con la “Balena blu”, la prima cosa da fare, a dispetto delle regole imposte da questo folle “gioco”, è parlarne subito con i propri genitori o comunque con un adulto.

Read more