Cartoleria solidale

Cartoleria solidale

Oggi in Italia quasi un milione e 300mila bambini e ragazzi, il 12,5% del totale, vive in povertà assoluta, oltre la metà non legge un libro. Le condizioni di disagio delle loro famiglie non possono dar loro opportunità educative, artistiche e culturali.

Un recente studio Ocse-Pisa conferma quanto si sapeva già da tempo, ossia che la scuola italiana non riesce più a svolgere quella funzione di “ascensore sociale” per gli studenti che provengono da un ambiente svantaggiato. In sostanza i ragazzi provenienti da contesti difficili rimangono imprigionati nel loro retroterra culturale e socio-economico non favorevole senza che la scuola riesca a far loro padroneggiare quelle competenze e abilità che sono ritenute essenziali per partecipare attivamente e pienamente alla vita sociale e per avere buone possibilità di successo in campo lavorativo.

In altre parole, la scuola italiana non fa altro che ratificare le differenze iniziali degli studenti, incidendo relativamente poco su tali differenze.

Fronteggiare la drammatica condizione di povertà educativa che colpisce i minori in Italia non solo si deve ma si può, muovendo concreti passi avanti così da contrastarla e restituire a tutti loro pari condizioni di partenza e opportunità di crescita.

Il sostegno allo studio di questi bambini e/o ragazzi è dunque una priorità che può essere realizzata anche attraverso la fornitura gratuita di quanto necessario per il corredo scolastico adeguato all’indirizzo di studio scelto. Che si tratti di scuola primaria o secondaria, l’acquisto di tutto il materiale necessario, dalle penne ai quaderni allo zaino, può comportare anche una spesa abbastanza elevata.

Sei in difficoltà con il corredo scolastico? Possiamo aiutarti.

Con il progetto “Cartoleria Solidale” Antares sostiene in forma concreta e immediata il diritto allo studio di bambini e ragazzi con difficoltà economiche attraverso la fornitura gratuita del corredo scolastico.

Dare opportunità di successo ai ragazzi che partono da condizioni non favorevoli significa curare una relazione educativa che favorisca il processo di autostima degli studenti e restituisca loro la disponibilità ad affrontare i compiti scolastici con perseveranza. In altre parole, significa entrare positivamente nel merito del rapporto educativo e considerare come si sviluppa la mediazione didattica all’interno della classe per una vera scuola inclusiva.

L’educazione come chiave del cambiamento

Il progetto Cartoleria Solidale non riceve, né richiede, finanziamenti pubblici ma si basa interamente sulla solidarietà della comunità e sulle attività di autofinanziamento portate avanti da soci e volontari dell’associazione.

Gli studenti possono accedere alla cartoleria tramite referenti di fiducia come i servizi sociali, la scuola, le associazioni o le comunità religiose, che hanno già provveduto a verificare le necessità.

Alt="Ritorno a scuola"

Chi apre la porta di una scuola, chiude una prigione.

Victor Hugo

Per richieste e/o segnalazioni inoltrare email a: cartoleriasolidale@antares-onlus.it

Scopri di più sul progetto con il nostro Report Cartoleria Solidale

All’interno del report troverai le seguenti informazioni:

  • La situazione attuale
  • Il perchè la necessità di un progetto come la Cartoleria Solidale
  • Gli effetti del progetto sugli studenti, insegnanti e famiglie
  • l’importanza di creare eguaglianza all’interno delle classi
  • Un case study
  • Qual’è il materiale richiesto
Alt="Cartoleria solidale report"

Report “Cartoleria Solidale” in preparazione

Leggi di più

Alcuni consigli per la realizzazione di una mappa concettuale

Nei giorni scorsi un educatore ANTARES dello Spazio Andersen, ha chiamato in associazione raccontando un’avvenimento che ci riempie di orgoglio e felicità.

Ci è stato raccontato che durante un controllo dei compiti in classe, fra questi, un’insegnante ha trovato una mappa concettuale del compito in questione. Le piacque a tal punto che volle farne una fotocopia per poterla distribuire a tutti gli alunni della classe, sottolineando la semplicità e la chiarezza con cui era stata realizzata la mappa. Dicendo che sarebbe stato un’ottimo esempio da cui prendere spunto per la realizzazione di proprie mappe concettuali future.

Per questo oggi siamo contenti di condividere con voi la mappa concettuale da cui hanno preso spunto l’educatore e l’alunna dello spazio Andersen.

Alcuni consigli per la realizzazione di una mappa concettuale:

  • Vanno preferite strutture gerarchiche nelle quali sia chiaro l’argomento principale (titoli) e i cui concetti siano organizzati dal generale particolare.
  • Nei nodi concettuali devono essere scritte solo parole-chiave.
  • Ottimale è usare riferimenti visivi: immagini, foto, colori, ecc.
  • Sulle frecce possono essere usate delle parole-legame (parole-ponte) o delle domande per ritrovare più facilmente i collegamenti e le risposte.

 

Alt="Come fare una mappa concettuale"

 

Mappa concettuale tratta dal libro: Come leggere la dislessia e i dsa – Giunti scuola

Leggi di più

Chi rallenta davvero la scuola? La lezione frontale, non gli alunni fragili

La vicenda dei licei classici “classisti” mette in luce l’insufficienza dei RAV, vissuti come mero adempimento burocratico ma soprattutto l’assoluta inadeguatezza del modello di scuola che conosciamo. «Un modello con cui tutti gli alunni hanno difficoltà. Sogno una scuola senza aule e senza classi», dice il presidente di Indire.

 

Giovanni Biondi è presidente di INDIRE, l’Istituto a cui è affidata la ricerca sull’innovazione educativa. Loro hanno monitorato 3.500 Piani di miglioramento delle scuole italiane, cioè quei piani che le singole scuole predispongono dopo essersi fatte un “esame di coscienza” attraverso il Rapporto di Autovalutazione, lo strumento che dal novembre 2015 tutte le scuole hanno pubblicato, ma di cui pochissimi fino a ieri avevano sentito parlare.

Presidente, qual è la sua impressione? Sono tante le scuole che hanno questo atteggiamento classista emerso ieri, cioè che scrivono in sostanza che alunni poveri, disabili e stranieri ostacolano la buona scuola?

Il monitoraggio dei RAV lo fa l’Invalsi, ma la mia impressione è che il RAV sia vissuto dalle scuole come adempimento burocratico e non come aiuto vero alla autovalutazione e al miglioramento. Noi abbiamo valutato 3.500 piani di miglioramento delle scuole, i dati ci dicono che più che progettare un piano di miglioramento, le scuole scrivano un libretto di giustificazioni. Dico anche che la legge 10, quella che aveva disegnato il sistema nazionale di valutazione, si basava su una valutazione esterna delle scuole, fatta da ispettori autonomi che dovevano fare visite periodiche, indicare alle scuole i punti di debolezza, tornare a verificare i miglioramenti: non si è fatto. L’autovalutazione va fatta, in tutti i campi, ma non può sostituire la valutazione esterna autonoma.

Continua a leggere.

Leggi di più

Smartphone in classe, proibiti. Scende in campo l’associazione docenti

Venerdì 05 Gennaio 2018, Studenti e smartphone in classe. Un binomio proibito secondo una circolare del 2007, emanata dal ministro Fioroni, e non ancora superato. Ad interventire ci ha pensato la ministra all’Istruzione, Valeria Fedeli, che ha affermato di voler innovare la didattica attraverso l’utilizzo del telefonino in classe. Intanto è al lavoro un tavolo tecnico che darà maggiori istruzioni, si pensa a fine gennaio. Ma cosa ne pensano i docenti? Lo abbiamo chiesto all’associazione nazionale docenti e la risposta è del tutto inaspettata.

Continua a leggere.

Leggi di più

Nasce l’autoscuola per giovani con autismo

È negli USA la prima autoscuola al mondo per ragazzi con ADHD e autismo.

Nelle sedi della The Safeway Driving School dislocate su tutto il territorio nazionale, è, infatti, partito un programma ad hoc per insegnare agli adolescenti con bisogni speciali a prendere la patente. Un servizio unico nel suo genere che attraverso lezioni mirate, ore di guida extra e altre accortezze (come l’adattamento graduale allo spazio interno delle macchine) consente anche ai giovani autistici di prendere confidenza con le strade e con le automobili. Un modo per sentirsi meno diversi dai loro coetanei ma anche più autonomi dai loro genitori.

Leggi di più